Wiam del deserto

Questa è la storia di Wiam del deserto. Quando la vedi per la prima volta, non puoi non chiederti quanto siano grandi e profondi i suoi occhi. Ha un viso paffuto color oliva, racchiuso da una cornice di capelli lisci e neri. Il naso appena schiacciato e denti bianchi e grandi che si inseguono caoticamente … Leggi tutto Wiam del deserto

Annunci

Allora Belloli ha ragione!

Quando iniziai a scrivere Una bomber, pensai di calcare un po' la mano per ridicolizzare gli stereotipi che circolano attorno al calcio femminile. Ridicolizzare gli stereotipi per ridicolizzare chi se ne nutre. Quando scrissi Una bomber, avevo già incontrato i miei Belloli, dentro e fuori dal campo. Forse fu proprio per loro, grazie a loro, … Leggi tutto Allora Belloli ha ragione!

Non è un paese per calciatrici

Questo non è un paese per calciatrici. Sono stanca di parlarne ancora, e ancora. Ma non posso farne a meno. Belloli, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, è solo uno dei tanti. Uno dei tanti, ma sicuramente uno tra i più sfigati, perché la sua (presunta) frase è stata messa a verbale. Non l'avrebbe infatti pronunciata … Leggi tutto Non è un paese per calciatrici

Jona ha un cuore palestinese

Jona ha un cuore palestinese. Non singhiozza più come quello vecchio, ma scandisce il tempo che finalmente per lui si è fatto infinito. A sentirlo bene pare che canti, questo nuovo cuore, seguendo un ritmo sconosciuto, come di darabouka e battiti di oud. Gioisce davanti ai fiori di zafferano, al cielo terso, alle gobbe dei … Leggi tutto Jona ha un cuore palestinese

Dipingerò la pace

Tali Sorek aveva dodici anni quando scrisse la poesia Ho dipinto la pace. Me ne innamorai immediatamente e scrissi una canzone, o quello che ne è venuto fuori. Con la speranza che Tali, giovanissima israeliana, creda fortemente nella pace e apra la strada e gli occhi ai suoi connazionali. Dipingerò la pace Dipingerò un tramonto, … Leggi tutto Dipingerò la pace

Qua non volano aquiloni

Questa è la storia di tre fratelli orfani di padre, di una donna vedova a 55 anni e di un villaggio a pochi chilometri da Ramallah, in Palestina. Bassem ha trent'anni, e ama far volare gli aquiloni. Vive nel villaggio di Bil'in, spaccato in due dal Muro, quel maledetto Muro che viene definito uficialmente "barriera di separazione" … Leggi tutto Qua non volano aquiloni

Padiglione VI donne

Mi manca. L’aria mi manca. Respiro sudore e muffa che si arrampica sulla parete. Bianca. Era pallida come la faccia di Marta che si è appesa ieri a ciondolare sulla porta. Ciondolava scandendo il tempo, come un pendolo stanco. Scandiva il tempo della vita e quello, veloce, della morte che se l’è portata via. Quello … Leggi tutto Padiglione VI donne

Pasquetta in Sardegna (versione seria)

Ho già scritto qualche giorno fa un post sulla Pasquetta in Sardegna: una Pasquetta randagia fatta di improvvisazioni e umori. Se invece volete affidarvi a qualcuno che vi organizzi la giornata, ecco qualche idea: Concerto di Cristiano De André a Cannigione (Arzachena), parco Riva Azzurra, alle 18.30, ingresso gratuito. Escursione a Codula Sa Mela, tra fioriture di … Leggi tutto Pasquetta in Sardegna (versione seria)

Pasquetta in Sardegna

A differenza del Natale, che si festeggia sempre nello stesso giorno, la Pasqua è quella ricorrenza creata appositamente per incasinare e punire quelli che non frequentano le chiese. E qua non ci sono, credo, giochini mnemonici tipo la filastrocca dei mesi: "30 giorni ha novembre, con april, giugno e settembre, di 28 ce n'è uno, … Leggi tutto Pasquetta in Sardegna

Sala d’attesa o girone infernale?

Al liceo una professoressa, supplente di Pedagogia per qualche mese, mi stupì affermando che trovava divertente fare la fila alle poste o dal medico. Era pacata e sorridente, la professoressa Cucca: bionda con una capigliatura acrobatica, la poesia facile e atteggiamenti ai limiti dello zen. Da allora, ogni volta che mi metto in fila, testa … Leggi tutto Sala d’attesa o girone infernale?

Sono stata giovane anche io

Voi ridete, ma davvero noi ci divertivamo con poco, quasi con nulla. Aspettavamo con emozione le feste: tutte quelle che c'erano sul calendario e anche quelle che non c'erano. Non avevamo bisogno di segnarle, perché ce le ricordavamo e contavamo i giorni perché passassero più in fretta. Perché in quei momenti potevamo stare tutti insieme, … Leggi tutto Sono stata giovane anche io

Habib ha una pallottola nel cuore

Questa storia è stata ispirata da un incontro, dagli occhi tristi di un ragazzo, dal suo sorriso e dalle rotaie che gli fanno da letto. Habib è stato il primo ad entrare in aula, con il suo gilet nero sopra una camicia in jeans ben stirata. Ha occhi neri e lucidi, due buchi d’infinito. Un … Leggi tutto Habib ha una pallottola nel cuore

Quattro notti di uno straniero

"Quatre nuits d’un étranger" o "Quattro notti di uno straniero" è un film che nasce da una co-produzione italo francese, ed è opera del regista italiano Fabrizio Ferraro. Novanta minuti di bianco e nero per un film breve che vuole essere una sorta di omaggio al romanzo "Le notti bianche" di Dostoevskji, tanto che i … Leggi tutto Quattro notti di uno straniero

Una sceneggiatura spezzata per Broken city

Ogni tanto mi diverto, nonostante la mia ignoranza in campo cinematografico, a fare le pulci a qualche film visto per caso o per scelta. Questo l'ho visto per caso. Il regista statunitense Allen Hughes, rimasto artisticamente orfano del suo gemello Albert, confeziona per il 2013 un compito per casa che mette sicuramente in luce le … Leggi tutto Una sceneggiatura spezzata per Broken city

A pesca in libreria

Ho pescato dieci libri dalla mia libreria personale, stasera. 1. L'eredità dei corpi di Marco Porru è una storia di abbandoni e ritorni, alcuni cercati e altri, capitati, imposti. E' una storia di maturazione della mente, attraverso legàmi, rotture e dolori fisici e psicologici; è maturazione del corpo: che esso sia nascosto, esibito, regalato, usato. … Leggi tutto A pesca in libreria